Un ponte per l'Europa

Il programma europeo Interreg

La cooperazione territoriale in Europa, nota anche come Interreg, è uno strumento teso a favorire lo sviluppo economico e sociale rimuovendo gli ostacoli transfrontalieri tra Stati e regioni.

Programma Interreg. Gruppo di persone al lavoro con pc che sorridono.

Cooperazione interregionale

Cos'è Interreg?

Interreg è un programma di cooperazione territoriale cofinanziato dall’Unione europea (UE) che si estende ai 27 Stati membri, Svizzera e Norvegia.

Il programma nasce con l’obiettivo, contenuto nella Politica di Coesione dell’UE, di appianare le disuguaglianze economico-sociali all’interno del territorio europeo per perseguire uno sviluppo regionale armonioso e sostenibile, così come la coesione e la competitività dell’Europa.
In questo senso, Interreg rappresenta lo strumento principale di attuazione della Politica di Coesione menzionata e prevista dal Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) agli artt. 174-178.

Per promuovere uno sviluppo armonioso dell’insieme dell’Unione, questa sviluppa e prosegue la propria azione intesa a realizzare il rafforzamento della sua coesione economica, sociale e territoriale. Art. 174 TFUE

L’ABC della cooperazione territoriale

Per portare avanti la cooperazione territoriale in Europa, il programma Interreg si struttura attraverso tre filoni:

Un po' di storia

Le origini del programma

Nell’arco di più di 20 anni di storia, il programma ha realizzato più di 800 progetti di cooperazione coinvolgendo più di 2.000 organizzazioni.

1990

Negli anni ‘90 la Commissione Europea lancia la Cooperazione territoriale europea (CTE) e si realizzano i primi esperimenti di cooperazione tra regioni di frontiera.

In un primo momento la cooperazione transfrontaliera si concentra sui confini interni dell’UE (Interreg I).

1994

Con Interreg II il programma viene esteso anche ai confini esterni all’Unione.

 

1997

Viene lanciato un nuovo filone di Interreg, successivamente denominato Interreg B, dedicato alla cooperazione transnazionale.

2000

Parte Interreg III e nasce il filone C con cui si vuole consolidare il sostegno alla cooperazione interregionale. All’interno di Interreg IIIC si sviluppano quattro programmi divisi prima per area geografica e successivamente per area tematica.

In totale le sezioni di intervento diventano tre: A. Cooperazione transfrontaliera; B. Cooperazione transnazionale; C. Cooperazione interregionale.

2006

Viene adottato un nuovo regolamento CE sui “Gruppi europei di cooperazione territoriale” (GECT) per dotare la cooperazione territoriale interna di una base giuridica più solida e omogenea.

2014

Per il ciclo di programmazione 2014-2020 viene adottato un regolamento specifico riguardante le azioni di cooperazione territoriale sostenute dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

Per rinforzare la concentrazione tematica delle azioni di cooperazione e il loro orientamento al risultato, si stabilisce che i programmi Interreg debbano investire almeno l’80% del budget in massimo 4 obiettivi tematici comuni ai Fondi Strutturali di Investimento Europei (SIE).

2021

Con Interreg VI la Commissione Europea ha voluto armonizzare i programmi rafforzando la concentrazione tematica e accelerare la trasformazione green.

Cooperazione italo-austriaca

Cos’è Interreg Italia-Austria?

Il programma Interreg Italia-Austria sostiene la cooperazione transfrontaliera nella zona di confine tra l’Italia e l’Austria.

L'area del programma Interreg IT-AT

Scopri di più
@Credits by Abteilung Europa, Autonome Provinz Bozen - Südtirol
Dati sul programma Interreg @Credits by Abteilung Europa, Autonome Provinz Bozen - Südtirol
Montagne con nuvole @Credits by Envato Elements Pty Ltd.

Interreg IT-AT

2021-2027

Scopri di più

La normativa europea

Interreg - Il quadro europeo

Il programma si inserisce nel quadro più ampio della politica regionale europea (Politica di coesione) che per l’UE rappresenta la più importante priorità di investimento. Tramite questa politica, l’UE vuole promuovere la creazione di posti di lavoro, la competitività, la crescita economica, lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della qualità di vita senza lasciare indietro nessuna regione. D’altro canto, si propone di aiutare i Paesi membri a raggiungere un’ampia gamma di obiettivi comunitari, per esempio quelli contenuti nel Green Deal europeo.

Inoltre, Interreg opera in accordo con le quattro strategie macroregionali europee definite per affrontare le sfide comuni di aree strettamente connesse chiamate “macroregioni”. Nel caso di Interreg Italia-Austria quella più rilevante è la Strategia dell’UE per la regione alpina (EUSALP) in atto dal 2015 come iniziativa congiunta di sette Stati alpini: Austria, Francia, Italia, Germania, Slovenia, Liechtenstein e Svizzera.

Politica regionale

La politica regionale è la principale politica di investimenti dell'UE.

Scopri di più

Politica di coesione 2021-2027

La politica di coesione rafforza la coesione economica, sociale e territoriale nell'UE.

Scopri di più

Report sulla coesione

Il report valuta la coesione economica, sociale e territoriale nell'UE.

Scopri d ipiù

Green Deal europeo

Il Green Deal europeo mira a trasformare l'UE in un'economia moderna, efficiente e competitiva.

Scopri di più

Agenda territoriale 2030

L'Agenda territoriale 2030 fornisce un quadro orientato all'azione per promuovere la coesione territoriale in Europa.

Scopri di più

Strategie macroregionali

Le strategie prevedono e consentono una migliore cooperazione nelle macroregioni.

Scopri di più

EUSALP

La macrostrategia per la regione alpina.

Scopri di più